A Treviso la marca da bollo si paga online

ContaminAction tour, l’innovazione in tre tappe
24 aprile 2017
PiGrecoT, una guida pratica per leggere il futuro
28 aprile 2017

A Treviso la marca da bollo si paga online

L’inarrestabile dilagare della tecnologia avanza e arriva nel mondo della pubblica amministrazione. Da qualche tempo è infatti possibile pagare online anche la marca da bollo, che era rimasta l’ultima frontiera alla dematerializzazione dei documenti. Il pagamento avviene così con addebito in conto, carta di debito o prepagata attraverso i servizi di pagamento del Sistema pagoPA. La novità è resa possibile dal servizio @e.bollo sviluppato dall’Agenzia delle Entrate con la collaborazione dell’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID). Sono Treviso e Vicenza i comuni veneti in cui il servizio è in fase di sperimentazione, come in altri comuni lombardi. Un passo avanti in una regione che si trova al 129° posto in Europa per qualità della pubblica amministrazione. La prima marca da bollo digitale è stata acquistata a Rovigo e applicata all’istanza inviata da un’impresa del settore agroalimentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di Treviso. Presto @e.bollo sarà esteso ai 750 comuni accreditati al servizio pagoPA.

Marca da bollo digitale, più semplicità e velocità

Quali sono i vantaggi per i cittadini? La marca da bollo digitale ha l’obiettivo di semplificare e velocizzare le procedure legate alla pubblica amministrazione. L’acquisto della marca da bollo digitale sarà possibile, tramite i PSP (Prestatore di Servizi di Pagamento, ovvero addebito in conto, carta di debito, prepagata e carta di credito), attraverso i servizi presenti su pagoPA raggiungibili solo dai siti delle pubbliche amministrazioni che offrono servizi per il rilascio dei documenti elettronici e che hanno aderito al sistema pagoPA dell’Agenzia per l’Italia Digitale. In seguito il pagamento sarà possibile anche presso gli intermediari abilitati. L’elenco dei PSP abilitati è disponibile sul sito internet delle Entrate, insieme a tutte le informazioni. Le linee guida per le pubbliche amministrazioni e per i prestatori di servizi di pagamento sono disponibili anche sul sito dell’AgID.