Ca’ Foscari, il fondatore di FoodRacers è l’alumnus dell’anno

Momup
A Treviso arriva Momup, l’app per viaggiare in modo intelligente
21 dicembre 2017
Ces 2018
Darth Vader va a Las Vegas: due startup trevigiane al Ces 2018
9 gennaio 2018

Ca’ Foscari, il fondatore di FoodRacers è l’alumnus dell’anno

Si chiama Matteo Fabbrini, ha 35 anni ed è tra i cofondatori di FoodRacers, la startup vincitrice del premio del pubblico ai Treviso Innovation Days 2017. È lui l’alumnus dell’anno 2017 di Ca’ Foscari. Il riconoscimento, assegnato nel corso dell’annuale cerimonia presso l’ateneo veneziano, è dedicato agli ex studenti che si sono distinti per i successi professionali. E di successi Fabbrini ne ha collezionati tanti, già durante gli studi, quando lavorava nell’azienda di famiglia, la ITA srl.

Nel 2007, dopo la laurea in Marketing e Gestione d’Impresa all’Università Ca’ Foscari, fonda Exclama, azienda dedicata all’oggettistica promozionale e al merchandising. L’anno dopo crea Maikii, specializzata in chiavi USB ed elettronica di consumo, attiva nel mercato promozionale. Nel 2011 Maikii si espande nella grande distribuzione creando un brand proprietario, Tribe e collaborando tramite licenza con i big dell’entertainment come Star Wars, Marvel, Disney, Warner Bros, Universal e Fox, arrivando ad aprire un ufficio a Hong Kong nel 2013 e uno in California nel 2014.

L’avventura di FoodRacers

Nell’ottobre 2015 con alcuni soci Fabbrini fonda FoodRacers, la startup che mette in contatto i clienti che vogliono ordinare pranzo o cena a domicilio con i cosiddetti racers, che ritirano i piatti dal ristorante e li consegnano in auto o in scooter in un raggio di 5 chilometri. L’azienda non guadagna sul costo di consegna, ma su una percentuale data dai ristoranti alla fine del mese per il servizio avuto.

Già l’anno scorso Matteo Fabbrini era arrivato secondo con pochi voti di scarto nella gara per il miglior alumnus cafoscarino, in cui può votare chiunque sia un ex studente e si iscriva gratuitamente ad Alumni: un segno che perseguire una carriera di successo nel mondo dell’innovazione non è un sogno impossibile.