Depop, 20 mln di aumento per l’app di H-Farm che ha conquistato Chiara Ferragni

robotica aerospaziale
Robotica aerospaziale, il liceo Da Vinci premiato al Politecnico di Torino
15 gennaio 2018
Qhero
Nasce Qhero, il motore di ricerca che costruisce pozzi in Africa
1 febbraio 2018

Depop, 20 mln di aumento per l’app di H-Farm che ha conquistato Chiara Ferragni

Depop

Un’app per vendere online i propri capi e accessori di moda: si chiama Depop, è italiana e ha appena spiccato un balzo che l’ha portata a registrare un aumento di capitale di 20 milioni di euro. Un bel colpo per l’azienda nata in H-Farm nel 2011, che dal 2012 ha come sede principale la città di Shoreditch, nel quartiere tecnologico di Londra.

Considerando il vertiginoso successo degli influencer, che in rete promuovono il proprio stile e raggiungono in breve tempo migliaia di follower, è facile intuire la fortuna di Depop, che dà a chiunque abbia uno smartphone la possibilità di creare il proprio store online. Non per niente, a utilizzarla sono personaggi del mondo della moda come Chiara Ferragni e Bianca Balti.

L’operazione economica è stata voluta dal management di Depop, il fondatore Simon Beckerman e la Ceo Maria Raga. Un primo aumento di capitale ha visto l’ingresso di Octopus Ventures oltre alla conferma dei fondi Balderton, Creandum, HV Holtzbrinck Ventures, Red Circle Investments, Lumar, mentre in un secondo tempo è stato definito l’ingresso di Tempocap che ha acquisito quote dagli attuali soci di Depop. H-Farm ha deciso di vendere parte della sua partecipazione complessiva al mercato secondario, ottenendo un ritorno cash pari a un multiplo di 5 volte circa rispetto all’investimento iniziale.

Depop, 250mila nuovi utenti al mese

Depop non si ferma, e mira a espandersi ancora soprattutto nel mercato statunitense, dove nell’ultimo anno le transazioni sono cresciute del 130%. Gli utenti attivi sono saliti a più di 8 milioni, e gli scambi hanno registrato un controvalore di 230 milioni di euro. Oggi l’app cresce di oltre 250mila nuovi iscritti al mese, contando nel team 100 tra le sedi di Londra, Milano, New York e Los Angeles, che è diventata la seconda città per numero di registrazioni dopo la capitale inglese.