Industria 4.0, nasce t2i: l’hub che guarda all’Europa

Treviso, il lavoro di domani a Fiera4passi
24 aprile 2017
ContaminAction tour, l’innovazione in tre tappe
24 aprile 2017

Industria 4.0, nasce t2i: l’hub che guarda all’Europa

Digital Innovation Hub

Una rete di sportelli diffusa in tutto il Triveneto con l’obiettivo di favorire la digitalizzazione della manifattura: anche questo è Industria 4.0. Ecco perché t2i – trasferimento tecnologico e innovazione e Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici hanno presentato un percorso che farà sì «che il patrimonio industriale del Triveneto, composto in larga parte da Pmi, possa cogliere appieno le opportunità della trasformazione digitale 4.0», come ha sottolineato Gianni Potti, Presidente del Comitato Nazionale di Coordinamento Territoriale di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici.

Sono tanti i servizi offerti da t2i, incubatore certificato, Digital Innovation Hub europeo e principale agenzia per l’innovazione in regione, oltre che espressione delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta Lagunare: tutela di marchi e brevetti, laboratori per testare e qualificare nuovi prodotti, supporto in progetti di innovazione e ricerca, percorsi di sviluppo delle competenze, avvio di startup d’impresa. La qualità di t2i è garantita proprio dalla qualifica come primo Digital Innovation Hub del Triveneto riconosciuto dall’Unione Europea nell’ambito del programma I4MS (ICT Innovation for Manufacturing SMEs) che promuove la digital transformation delle aziende manifatturiere.

«L’innovazione tecnologica è uno degli assi portanti della nuova programmazione europea – ha dichiarato Gianluca Forcolin, Vice Presidente della Regione Veneto con delega all’Agenda Digitale –. Occorre favorire un nuovo approccio imprenditoriale a questa materia e sfruttare fino in fondo tutte le opportunità per favorire sia un modo nuovo di fare impresa, sia le occasioni di occupazione per i giovani».

Un incubatore radicato sul territorio

Sono numeri importanti quelli legati al Digital Innovation Hub europeo di t2i: è il primo del Triveneto e il sesto in Italia attivato in collaborazione con Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici e fa parte di una rete di 39 Dih in tutta Europa. A far sì che t2i venisse riconosciuto come Digital Innovation Hub è stata l’esperienza sviluppata in progetti di innovazione e Ricerca&Sviluppo a cui ha portato alcune aziende del territorio, sulla base di tre ambiti di specializzazione:  simulazioni online di calcolo, progetti di robotica e Internet of Things al servizio delle aziende. Al riconoscimento hanno contribuito anche l’impegno in ambito innovativo, le attività di formazione delle competenze digitali, il riconoscimento come ente di ricerca, la qualifica di incubatore certificato per startup innovative, il ruolo nel supportare la nascita degli altri Dih italiani in collaborazione con il coordinamento nazionale di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici.

«La particolarità del Digital Innovation Hub di t2i – ha assicurato Roberto Santolamazza, Direttore di t2i – sarà quella di essere radicato sul territorio, ma saldamente inserito in una rete europea nella quale gli ecosistemi dell’innovazione industriale, formati da imprese, scienziati, investitori, università, possono rafforzarsi reciprocamente. Il Dih di t2i non sarà in contrasto con altre strutture nascenti, ma al contrario intende essere uno snodo del network di Dih e avere un ruolo di interfaccia con i Competence Center, con una chiara specializzazione orientata alla digitalizzazione dei processi nel settore manifatturiero».