Tid, dal successo della prima edizione ai progetti per il 2018

Foodracers
Idee e protagonisti, le startup: Foodracers, premio del pubblico
27 maggio 2017
Robotic Tinkering
Robotic Tinkering, le invenzioni degli innovatori del futuro
31 maggio 2017

Tid, dal successo della prima edizione ai progetti per il 2018

Quindici eventi, decine di relatori, oltre un migliaio di presenze. Non è semplice «fissare» l’innovazione con i numeri, ma sono sicuramente utili per far toccare con mano il successo di cinque giorni intensi: quelli dei Treviso Innovation Days. «Buona la prima»: si può riassumere così, mutuando una frase cinematografica, la prima edizione della settimana dell’innovazione nella Marca. E gli attori di certo non sono mancati: nei vari eventi, talk, workshop, si sono alternati tutti i protagonisti dell’innovazione fra Treviso e provincia. Rappresentanti di istituzioni e incubatori, imprenditori e startupper, soprattutto tanto pubblico per l’evento organizzato da Blum e Cattolica Assicurazioni. L’obiettivo principale è stato così ampiamente raggiunto: parlare di innovazione, far girare le idee. E non poteva mancare la vetrina social, molto seguita: le dirette degli eventi sulla pagina facebook degli Innovation Days sono state seguite e visualizzate da migliaia di persone. Sabato, alla chiusura, ci si è salutati con un «arrivederci»: la buona riuscita della manifestazione fa infatti crescere la volontà di rivederci nel 2018.

L’innovazione della Marca si è messa in gioco, durante la settimana, a 360 gradi. Sul sito potete trovare alcuni spunti tratti dai vari eventi. In ordine puramente cronologico, si è partiti da Castelfranco Veneto e dal suo Teatro Accademico parlando di Industria 4.0, per passare poi a parlare del territorio e la sua identità nel museo Santa Caterina, a Treviso. Perché per innovare bisogna aver chiare le proprie radici, saper riconoscere la propria diversità. Giovedì gli Innovation Days sono arrivati a Conegliano: il tema era il food, settore sempre in movimento, dove la creatività e la voglia di sfidare il futuro è essenziale. Venerdì una lunga giornata al complesso Sant’Artemio, a Treviso, ha visto fra le altre cose l’attesa finale del premio Startup Trevigiana dell’Anno. La bio innovazione di Hbi ha convinto i giurati, ma l’alta qualità di tutte le startup finaliste ha, ancora una volta, testimoniato la vitalità del territorio trevigiano. Chiusura sabato con le sfide della smart city, sempre a Santa Caterina, a Treviso.

Non resta che concludere ringraziando tutti quelli che hanno collaborato all’organizzazione.  I Treviso Innovation Day sono una piattaforma di «Blum – Comunichiamo l’innovazione» e Cattolica Assicurazioni. La manifestazione è organizzata in collaborazione con Ca’ Foscari Alumni, Ascotrade, Cisco, Innovation Future School e Giuliamaria Dotto, Gea Consulting, Banca della Marca, EcorNaturaSì, la co-organizzazione del Comune di Treviso e ha il patrocinio di Provincia di Treviso, Comune di Castelfranco Veneto, Conegliano.