Omaggio al Prosecco, l’eccellenza veneta diventa una mostra

eduscopio
Università e mondo del lavoro: le migliori scuole di Treviso secondo Eduscopio
24 novembre 2017
ChewinGreen
Gomma da masticare 100% naturale: è ChewinGreen e nasce a Treviso
7 dicembre 2017

Omaggio al Prosecco, l’eccellenza veneta diventa una mostra

prosecco

Non è una mostra come tutte le altre quella organizzata dall’11 novembre al primo maggio 2018 a Casa dei Carraresi a Treviso e dedicata a un protagonista dell’enogastronomia veneta: il Prosecco. Prosecco & Superiore ai Carraresi è il primo allestimento mai realizzato su questo tema, immaginato per rendere omaggio al vino simbolo della Marca Trevigiana.

Le caratteristiche di una mostra tradizionale si fondono in un percorso espositivo che prevede anche piattaforme interattive e spazi multisensoriali, per un’esperienza a 360 gradi fra le tre identità docg Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, docg Asolo Prosecco Superiore e doc Prosecco. Alla fine del percorso, nell’enoteca adibita ad hoc, ci sarà la possibilità di degustare un calice di bollicine di una selezione di produttori.

I dettagli della mostra

Il biglietto intero costa 8 euro, 6 il ridotto, con ulteriori agevolazioni per bambini e famiglie. Perché la mostra si rivolge proprio a tutti, non solo ad appassionati cultori, ma anche a turisti, studenti e soprattutto trevigiani – che spesso non conoscono i segreti del “loro” vino. “Terra – Vigna – Uomo” è la chiave di lettura e insieme il filo conduttore della mostra: partendo dall’analisi geomorfologica dell’areale storico di coltivazione del vitigno da cui ha origine il Prosecco, la Glera, si passa all’evoluzione delle forme di allevamento dei vitigni e degli strumenti impiegati per la coltivazione, per poi considerare l’influenza degli astri e l’operato dell’uomo, fino ad arrivare alla fase di imbottigliamento e alle caratteristiche peculiari descritte dai sommelier.

Non solo Prosecco

La mostra è ideata dall’imprenditore Paolo Lai e sviluppata con il coordinamento scientifico di Diego Tomasi del CREA-VE e in collaborazione con la Fondazione Cassamarca, i consorzi di tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, Montello e Colli Asolani e Prosecco doc, l’Associazione Italiana Sommelier del Veneto ed Unindustria Treviso.

Nelle intenzioni di Paolo Lai, curatore della mostra, c’è il progetto di trasformare il percorso multisensoriale in un museo permanente dedicato al Prosecco. Per questo Lai rivolge un appello agli imprenditori trevigiani spiegando in che modo il prodotto enogastronomico più importante del territorio può diventare moto prezioso per economia e turismo.

Insieme al percorso sensoriale, nelle stesse date la Casa dei Carraresi si appresta ad accogliere anche la rassegna “Andy Warhol Superstar!”, organizzata da Rosy Fuga De Rosa e Francesco Caprioli per omaggiare il maestro della Pop Art con 40 opere.