Treviso, un videogame per la responsabilità sociale d’impresa

Trieste Airport
Trieste Airport, parcheggi personalizzati con la tecnologia Came
15 marzo 2018

Treviso, un videogame per la responsabilità sociale d’impresa

La «gamification» è un processo inarrestabile che coinvolge tutti i settori della vita: il linguaggio che era appannaggio dei videogiochi si è espanso all’educazione, all’intrattenimento e ora anche all’economia. Divisi in squadre, simulando la gestione di un’azienda, i partecipanti al «CSR Business Game» che si è svolto a Treviso il 18 maggio si sono sfidati a colpi di scelte etiche, sostenibili socialmente e ambientalmente. Alla fine, ha vinto il team che si mostrato capace di adottare le pratiche “responsabili” più efficaci rispetto al proprio business, coinvolgendo al meglio gli stakeholders. Il format, ideato da Animaimpresa e da The Business Game srl, è stato adottato da Unis&f, società di servizi e formazione delle Unioni degli Industriali delle province di Treviso e Pordenone ed è andato in scena nel workshop «Alla scoperta del Veneto responsabile. Responsabilità Sociale: come un approccio responsabile può migliorare il business aziendale».

Un videogame formativo

Un momento formativo che ha visto l’intervento dell’esperta di Responsabilità sociale d’impresa Romina Noris, e che è aperto a imprenditori, manager, collaboratori e dipendenti. Un workshop finanziato dalla Regione Veneto nell’ambito del POR FSE 2014-2020 e del progetto «Dalla responsabilità sociale d’impresa alla competitività responsabile d’impresa – il modello veneto» (cod. 35-1-948-2016 DGR 948/2016 – Responsabilmente Promuovere l’innovazione sociale e trasmettere l’etica – Percorsi di RSI).  «Il “Csr Business Game” che abbiamo ideato – spiega Andrea De Colle di Animaimpresa – è uno strumento che, favorendo il coinvolgimento e la partecipazione dei diretti interessati, si dimostra ideale per far comprendere la valenza strategica della responsabilità sociale d’impresa e come questa vada introdotta in azienda. Non solo nelle big company, ma anche nelle piccole e medie imprese». Alle imprese che hanno partecipato all’incontro verrà offerta la possibilità di visitare, nel mese di giugno, una realtà aziendale eccellente nell’ambito dell’adozione di pratiche sulla CSR e di comunicazione delle stesse.